Una biondona sexy(parte 1)

Salve,io sono Elisa,la ragazza di Enrico(lui per un bel pò non scriverà dato che è in Spagna a studiare).Ho scoperto da poco(dato che condividiamo la stessa mail) questa storia dei racconti erotici e cosi ho deciso di confessarmi,ho 20 anni .I ragazzi mi definiscono “gran pezzo di figliuola”,qualcuno mi rassomiglia(forse esagerando)a Jessica Simpson .In effetti sono una bomba sexy. Sono alta 1’70 m,occhi verdi,bionda,4° di seno e culetto a mandolino,frutto di anni di work – out, labbra carnose. Inutile dirvi quanti ragazzi mi facciano la corte

ed inutile dire quanti miei amici mi salterebbero sopra(ed Enrico è gelossissimo),anche se più o meno me li sono portati tutti quanti a letto(anche cornuto). Già,non sono proprio una ragazza per bene e faccio del sesso ogni volta che ci sono gli estremi per farlo.Mi piace fare l’amore,poi la gente potrà definirmi bottana,ma io sono fatta così.Le mie amiche(poche) schiattano dall’invidia perché in confronto a loro sono inarrivabile e perché tutti i ragazzi che si avvicinano a noi vogliono conoscere solo me.Piaccio ai ragazzi anche perché mi atteggio molto;voglio che loro mi desiderino e così mi vesto molto aderente per far notare meglio le curve.Questo è un racconto che avevo scritto molto prima della mia relazione con Enrico per cui non dovrebbe preoccuparsi molto…

Da qualche mese ho il pallino fisso per un mio compagno di facoltà,Giovanni, un ragazzo bruttino,magro,testimone di Geova e quindi vergine. Con lui il rapporto e sterile,ci salutiamo e occasionalmente chiacchieriamo un po’. E’ uno dei pochi ragazzi che non si è mai avvicinato per attaccare bottone con me e allora ho deciso di attaccarlo io con lui. Giovanni ha 22 anni e non oso immaginare quanta sessualità repressa sta in lui. Questo mi ha eccitata molto,quindi ho deciso di stuzzicarlo,volevo farlo esplodere,volevo fare del sesso con lui.Sapevo che attraevo anche a lui,visto le miriadi di volte i cui furbescamente faceva cadere lo sguardo sulle mie profonde scollature,ma era timido e non ci aveva mai provato.Un giorno le dissi se poteva accompagnarmi in facoltà in macchina dato che lui passa sotto casa, e lui approvò.Era una calda giornata e io ne approfittai per vestirmi scollata e leggera. Portavo una maglietta blu molto aderente con una profonda scollatura a V e un reggiseno molto piccolo che stringeva il mio seno,quindi una minigonna vertiginosa,senza mutandine, e tacchi a spillo clamorosi.Le mie labbra carnose erano di un rosso fuoco;insomma mi ero vestita da zoccola,sapevo che non avrebbe resistito. Appena arrivò,salii in macchina e subito lui sbirciò velocemente nella scollatura.Era visibilmente imbarazzato. I vestiti che portavo sembravano esplodermi da un momento all’altro e le mie poppe erano due gommoni schiacciati l’uno sull’altro.Le mie labbra sembravano pronte per fare pompini (cosa che per altro mi riesce molto bene). A metà tragitto gli chiesi di svoltare per una stradina bianca sulla sinistra che portava alle campagne della periferia. Lui si girò verso di me e mi chiese il perché,io le risposi che dovevo fargli vedere una cosa molto speciale. Lui svoltò ma continuò a farmi domande.Io a quel punto per fargli capire le mie intenzioni allungai la mano sulla sua patta e cominciai a tastare;rimasi incredula di fronte a tanta abbondanza. Giovanni a quel punto fermò la macchina e si girò allontanandomi la mano dalla sua asta,mi disse: “Non posso farlo!!!”ma io insistetti e continuai a toccargli la patta.Volevo vedere il suo cazzone immenso,lo volevo prendere in bocca,in culo,nella fica. Giovanni a quel punto cambiò,non mise più resistenza e cosi io cominciai a sbottonargli i calzoni,le mutande e tirai fuori il suo enorme pene.Era lungo e grosso,il più bel cazzo che ho mai toccato in vita mia(e ne ho toccati tanti). Rimasi esterrefatta ma a quel punto Giovanni mi spinse la testa in giù e mi ordinò di succhiargli il cazzo. La sua timidezza era scomparsa;nel mentre io spalancai la bocca e accolsi tra le mie labbra carnose quel grosso membro.
Presi in bocca poco meno della metà di quell’enorme asta mentre Giovanni cominciava a godere. Lo ciucciai con amore andando su e giù su quell’imperiosa asta.Gli leccavo la punta e poi riaffondavo la bocca e ciucciavo e succhiavo come una baldracca esperta. A quel punto però Giovanni mi allontanò dal suo cazzo e mi disse che voleva fottermi tutta. Scesi dalla macchina e lo fece anche lui;aveva ancora il cazzo fuori dalla cerniera ed era impressionante vedere un enorme cazzo su un fisico così magro,era quasi sproporzionato. Lui mi portò in mezzo ad un campo,nell’erba alta.Li si spogliò del tutto e mi strappò i vestiti con violenza.Finalmente era pronto per dominarmi. Mi infilò la lingua in bocca mentre le sue mani mi strinsero le chiappe,quindi mi baciò sul collo ed infine mi succhiò i capezzoli,mi strinse le tettone e me le succhiò come un poppante;ero la sua Poppea. Quindi si mise alle mie spalle ed infilò il suo grosso membro tra le mie cosce ordinandomi di stringerle sul suo cazzo. Lui cominciò a spingere e cosi io le feci una sega con le cosce. Il mio seno ballava su e giù mentre io vedevo il suo cazzone spuntarmi ad intermittenza tra le cosce. Le sue mani finirono a coppa sui miei seni mentre lui forsennato continuava con il suo ritmo. A quel punto inarquai la schiena e lo implorai di prendermi il culo. Lui mi fece distendere a pecorina sull’erba e cominciò a trapanarmi il culo con colpi da vero stallone. Ero la sua cavalla, poteva farmi ciò che voleva.Il suo membro all’inizio mi fece male,poi però il dolore del mio culo spaccato fu sostituito dall’immensa goduria;mi infilo le dita in bocca e le succhiai avidamente,volevo un altro cazzone i bocca sulle mie labbra a canotto;mi voltai cercando di vedere il suo pene entrarmi nel culo.Mi montava stupendamente,il suo ritmo era costante;quel giorno mi bagnai almeno 7 volte. Dopo avermi preso il culo facemmo il missionario e mi penetrò la figa. La sua cappella lucida mi eccitava da impazzire. Sudavamo come porci e quell’odore di uomo vero mi eccitò ancora di più.Mentre mi prendeva la sua lingua guizzava tra le mie labbrone e mi diceva:
“Si,si Elisa,sei stupenda,mi fai impazzire,sei così dolce e brava,si, tettona mia!!!”
Le mie tette ad ogni colpo vigoroso ballavano su e giù. Lui mi succhiò ancora i capezzoloni turgidi, mi leccò tutta,mentre le mie mani accompagnavano le sue natiche nella spinta,a quel punto tolse il membro dalla mia figa;era sul punto di esplodere e mi disse:
“Ora biondona mia mi fai montare su quelle tettone e mi fai una spagnola,voglio scoparti la latteria, quelle tettone immense mi fanno impazzire!”
Io divertita e sempre più sua schiava presi il suo cazzo e lo misi nel seno,lo strinsi tra le mie tette e cominciai a muovermi su e giù;la sua cappella ogni volta arrivava vicino alla bocca e io vogliosa la leccavo con gusto immenso. Quindi mi distese ancora una volta sull’erba e mi montò sopra,infilandomi l’uccello tra le tette;a quel punto chiusi gli occhi. Sentivo il suo cazzo peloso strusciare sulle mie poppe e il suo scroto accarezzarmi il petto;lui ormai impazzito mi disse:
“Oh.Elisa mia,che tette stupende che hai,sei la mia puttana!!!”
A quel punto mi schizzò un enorme quantità di sperma sulle tette e sulla faccia che io ripulii con gusto. Mi accarezzò la chioma bionda e mi disse che ero la ragazza più dolce del mondo.Io ero soddisfattissima e sorpresa da quello stallone.Il miglior cazzo che abbia mai provato. Ci rivestimmo mentre io odoravo di sudore e sperma. I miei vestiti erano semi distrutti ma con un piccolo sforzo ce la feci. Prima di salire in macchina Giovanni soddisfò il suo ultimo piacere;mi mise in ginocchio e mi ordinò di succhiargli il cazzo. Io lo soddisfai e cominciai a ciucciare la sua asta,gli leccai le palle. Lui mi spinse l’uccello in bocca,mi tenne la testa ferma mentre lui mi spingeva il cazzone in bocca;succhiai con amore la cappella e lui mi regalò un altro getto di sperma….Ohhh se tutti gli uomini fossero così…
PS: tratto da una storia che mi è capitata veramente(e per fortuna!!!)

Un altro episodio che mi accadde prima della mia relazione con Enrico successe nell’estate scorsa.
Ero scesa al mare in compagnia di due mie amiche. Portavo un costume che a causa del mio fisico non poteva che non darmi un aspetto supersexy, molto provocante,un bel bikini rosso. La mia chioma bionda d’estate era raggiante. Inoltre portavo gli occhiali da sole che mi davano l’aria da porca vogliosa. Il mio reggiseno era fenomenale,stretto e teneva il mio grosso davanzale bello alto. Molti ragazzi mi considerano una latteria ed in effetti,io ho un grosso seno e la pancia piatta,per cui le curve sono molto abbondanti. I ragazzi che incrociavo,mentre ci dirigevamo verso la spiaggia, mi mangiavano con gli occhi anche perché il mio seno ballava vigorosamente ad ogni passo. In spiaggia a volte mi slacciavo il reggiseno per abbronzarmi la schiena, e puntualmente c’era qualcuno che coglieva l’attimo buono per darmi una sbirciata mentre ero in topless. Sta il fatto che quel giorno volevo provare una nuova emozione,volevo farmi un bel negrone,uno di quelli che passano nelle spiagge a vendere sciocchezze inutili. Ne passarono parecchi ma nessuno di quelli mi piaceva ed erano tutti smorti,quando all’improvviso,un bel negrone si fermo per vendere racchette. Era alto almeno 1 metro e 90,grosso,bellissimo. Appena lo vidi mi sciolsi ai suoi occhi tanto che le mie amiche ne furono imbarazzate. Quella montagna di muscoli era mia,non l’avrei lasciata andar via,cosi mentre lui mi faceva vedere il repertorio delle sue racchette mi girai verso le mie amiche e dissi: “Questo gnocco me lo scopo tutto!!!”,tirai fuori il portafoglio e presi 50 euro,le racchette costavano 7,ma io mi avvicinai dal negro e le sussurrai: “Non voglio le tue racchette, ma voglio te!!!” E gli sventolai i 50 euro davanti agli occhi. Lui a quel punto capii e mi disse di seguirlo. Lasciai le mie amiche in spiaggia mentre mi dirigevo in pineta seguendo il negrone. Camminammo per un bel po’ fino a quando,nel profondo della pineta l’africano mi disse che eravamo arrivati. Il posto era un bel po’ selvaggio(come il negro d’altronde),isolato e ombroso. Un ottimo posto per scopare senza essere visti. Il negrone allora mi disse : “Allora bella badrona, tu volere me e io dare me a te!!!Tu dai me 50 euro e io do te tutto quello che vuoi!!!” A quel punto mi avvicinai a lui e lo baciai in bocca,le nostre labbra carnose si incontrarono in un pulpito di emozioni;le tolsi la maglietta e scoprii un fisico incredibile,ero tutta accaldata. Le baciai il petto scendendo fino al pube,la tolsi con frenesia i boxer dell’africano e scoprii un vero e proprio capolavoro d’arte. Il cazzo di quell’uomo era stupendo ed enorme(30 cm contro quelli del mio ragazzo,15)ed uno scroto grosso come un melone di piccola taglia. Cercai di prendergli il fallo in bocca ma riuscii a malapena ad infilarmi la cappella ,mentre Rachid (cosi si chiamava il negro) godeva. Quindi fu lui a prendere le redini della situazione e mi tenne la testa ferma e cominciò a spingere l’enorme cazzo in bocca allargandomela a dismisura;mi sovrastava completamente;io ero in ginocchio mentre lui spingeva il grosso membro tra mie labbra carnose. Lo gustavo,quel suo sapore esotico;mentre le mie mani bianche finirono tra la sua folta peluria dello scroto affondando nel nero;lo spompinai ancora un po’ poi lui mi mise in piedi e mi slacciò il reggiseno;cominciò a stringermi le poppe e me le succhiò come un neonato ,io nel mentre con le due mani le tiravo una sega incredibile,mi girai e dissi:
“Oh Rachid,sei bellissimo e hai un cazzo fantastico!!!! Lui allora mi disse: “Oh badrona anche tu hai due tettone bellissime!!”a quel punto vogliosa di gustarmi il suo sperma chiesi a Rachid:
“Oh stallone negro,ti piacciono le mie tette???Beh,allora salta su che te le faccio scopare!!Su dai Rachid,mettimi il tuo cazzone tra le tette!!!” E Rachid lo fece;il suo cazzone tra le mie poppe sembrava un cioccolato tra due montagne di panna. Strinsi quel cazzo incredibile tra le mie tette sode e cominciai a muovermi su e giù,ed ogni qual volta la sua cappella mi stava vicino alla bocca la baciavo;ero un’esperta nelle spagnole,d’altronde il mio seno permetteva di farle. Rachid non resistette e spruzzò parecchio sborra tra le mie tettone. Io ne ingoiai parecchia mentre l’uccello di Rachid perdeva consistenza. Lui mi disse: “Oh badrona,prometti me che tu torni a fare spagnola a Rachid,fare pompini Rachid,io bagare te!!!”ma io dissi: “Oh Rachid,tu mantieni i soldi,io farò quello che vuoi gratis,sarò la tua puttana personale!La prossima volta ti faccio vedere la figa e il culo,ma tu allenati,voglio quel cazzone sempre dritto!!” E così ripresi il reggiseno e mi diressi verso la spiaggia. Le mie amiche mi bombardarono di domande ed io dissi che Rachid era stato fantastico,poi una di loro mi disse: “Ma cos’è quella roba bianca che hai nelle tette!!!”Ed io ne presi un po’ con la punta dell’indice e l’assaggiai;era lo sperma di Rachid ed io quasi venni!!!Quindi risposi a Katia(la mia amica): “E solo crema abbronzante!!!” .
Con Rachid non finì lì,anzi… ma questo lo racconterò prossimamente,prima che il mio ragazzo torni dalla Spagna!!!

ricerche relative

| racconti di incesto| racconti il culo a mandolino

Lascia un Commento