studiando …

ciao a tutti i lettori di questo mio racconto. prima di tutto voglio presentarmi,
mi chiamo melissa e ho 24 anni. sono una tipa molto solare ed espansiva. fisicamente sono olta 1.75 magra e porto una 3a. ma ora passiamo al racconto
Avevo 20 anni e frequentavo il liceo, ma avevo problemi in matematica. chiesi a Gianni, un mio amico di classe, se poteva darmi qualche ripetizione dato che lui era molto bravo. accettò subito. andavo a casa sua a giorni alterni. durante le ripetizioni notavo che spesso Giannimi guardava con un certo interesse, mi guardava soprattutto le tette. un giorno mi presentaia casa sua vestita con una gonna corta e

una maglia scollata senza reggiseno. iniziammo
come sempre la nostra lezione, ma i suoi occhi cadevano sempre tra i miei seni. io ero molto eccitata
dall’essere guardata e da qualche settimana Gianni mi attraeva. ad un certo punto
feci cadere una penna dalla scirvania dove studiavamo, come lui si abbasso per raccoglierla io divaricai
le gambe per fargli vedere lo spettacolino. quando lui rialzò la testa a veva gli occhi spalancati,
ma io feci finta di nulla perchè avevo un piano. afferrai la bottiglia di acqua e casualmente gli buttai
dell’acqua sul pantalone. mi alzai e mi avvicinai, lo avevo bagnato proprio all’altezza del suo uccello.
allora gli chiesi scusa e gli toccai la parte bagnata cercando di rimediare. iniziai a sentire il suo cazzo duro
sotto le mie mani. allora gli abbassai i pantaloni. vidi una protuberanza grandizzina sotto i boxer
allora gli tolsi subito anche i boxer, era grandissimo. avevo il suo cazzo davanti a me.
lo presi tra le mani e iniziai a giocare. intanto sentivo le sue mani sulle mie tette, io avevo
i capezzoli ormai durissimi. gli piacevano molto le mie tette, allora per farlo godere presi il cazzo
e lo strusciai tra le mie tette, godeva da matti. portai il suo cazzo nella mia bocca
e cominciai a succhiare, a lucidarlo con la mia lingua. lui mi prese mi stese sul suo lettino,
mi tolse la gonna e gli slip e mi mise nella posizione 69. sentii tutta la sua lingua nella
mia figa, ero eccitata da morire mi sentivo bagnatissima. indieme alla lingua sentii entrare anche
un dito, poi due. intanto io giocavo con il suo cazzo, leccandogli anche le palle.
poi mi girò e mi mise tutto il suo cazzo duro nella figa, iniziai ad urlare dalla gioia.
sentivo tutta la sua durezza dentro di me. presa dall’eccitazione gli dissi:”lo voglio anche
nel culo”. allora mi mise a pecora e iniziò a fottermi dietro mentre mi teneva per le tette.
urlavo per il piacere quando Gianni mi disse : “sto arrivando!” allora mi avvinghiai subito
sul suo cazzo e iniziai a pomparlo con la bocca. sentivo il suo cazzo gonfiarsi in bocca
quando venni inondata di sperma. era caldo, lo ingoiai tutto e gli pulii con la lingua tutto il bastone.
fu davvero una scopata stupenda!!! Ancora oggi ci divertiamo da pazzi.

ricerche relative

| racconti hard lezioni private

Lascia un Commento