Sogno irrealizzabile

Parcheggio la mia auto al solito posto.Scendo,la chiudo a chiave e procedo verso il cancello.Vedo uscire degli amici,li saluto,scambio due chiacchere.Poi citifono,si apre il portone.Prendo l’ascensore e arrivo al secondo piano.Una visita come tante altre.Sarei stato li come al solito e me ne sarei andato via così come ero arrivato.Niente di strano o di insolito.Però quella volta doveva andare diversamente.I sogni a volte si avverano mentre altre volte rimangono tali per sempre….forse c’è qualcuno che ci può aiutare a farli avverare,ma se questo qualcuno non li conosce i nostri desideri?

Entro in casa,lei è lì sulla porta che mi attende come sempre sorridente.Entro e la saluto.Mi fa accomodare.Lei sta sbrigando delle faccende in cucina.Mi chiede se gradisco qualcosa:un caffè le rispondo.Il suo abbigliamento non è dei più sexy,ma d’altronde è in casa,però nella sua semplicità è stupenda.Indossa una tuta celeste;l zip della giacca è chiusa a metà e si intravede un corpetto trasparente.Indossa delle ciabatte aperte che mettono in mostra i suoi piedi avvolti da calze grigio fumo molto velate.La cosa mi eccita.La mia fantasia vola,ma non è volgarità la mia….è voglia di lei,di questa sua semplicità così disarmante,ma così ossessiva e conturbante.Chissà se si eccitrebbe con una proposta un pò trasgressiva….è prono il caffè e ci accomodiamo in salotto,per stare più comodi.Si siede sulla poltrona di fronte a me,accavalla le gambe.Osservo i suoi piedi.Che piedi stupendi….avvoli nelle calze sono ancora più eccitanti.Non lo nego ,mi piacerebbe tanto toccarli.Pensando a questo mi sono eccitato e il mio membro è dritto.Mi sento un pò in imbarazzo,ma la cosa mi piace.Lei continua a chiaccherare….mi osserva,ride,scherza……sei bellissima.Mentrefa ciondolare il piede le cade una ciabatta.Oh che visione.Il piede è libero.Molto sensuale,erotico,stimolante.Da qui comincia il sogno.Lei si lamenta del dolore ai piedi,stanchezza,lavoro in ufficio…..io le propongo un massaggio…lei mi chiede se sono capace…..non finisco neanche la risposta:ho i suoi piedi tra le mie mani e comincio un lavoro stupendo.per svariati minuti le masaggio i piedi.Lei si è un pò scaldata ed io salgo sule caviglie sui polpacci.Si è gia tolta i pantaloni della tuta e mi mostra le sue gambe.Mi chiede dei massaggi.Sono in estasi.Indossa dei collant e in trasparenza vedo i suoi slip.Mi sento un pò in imbarazzo,ma la cosa mi piace.Il mio membro sembra schizzare fuori,ma anche lui è contento.Vorrebbe uscire allo scoperto e massaggiare anche lui quelle gambe divine.Per il momento non gli è concesso.Più avanti ci sarà qualcosa anche per lui.

ricerche relative

| parking cars moglie racconti| Racconti incesto massaggiando mamma

Lascia un Commento