Serena alla festa

Eravamo invitati, da un collega di mia moglie ad una festa per l’inaugurazione di un nuovo centro sportivo con annesso club house
Era la fine di settembre e le calde serate estive stavano lasciando il posto alle piovose ed umide notti autunnali, non per questo Serena volle perdere l’occasione per farsi ammirare, io ero pienamente daccordo, indosso una mini gialla molto corta ed aderente ,un top giallo con due bottoncini davanti che conteneva a fatica il seno, sandali con tacco a spillo e autoreggenti ,

sopra un lungo spolverino beige, dopo un lungo viaggio nelle campagne piu desolate arriviamo al locale , fuori alqune grosse auto, entriamo e l’amico di serena ci presenta come coppia di amici e non come marito e moglie, Serena mi guardò e mi disse che era stata un idea sua
Si tolse lo spolverino e fu subito bersaglio di molte occhiate dei presenti , uno mi si avvicino e mi chiese chi era quella ragazza io risposi “un amica,.. solo un amica che mi ha chiesto di accompagnarla” luomo mi guardo soddisfatto e andò a parlare con un altro grupetto, lei nel frattempo si era presa da bere e stava conversando con il suo amico e altri 2 uomini, mi guardai attorno e vidi che erano circa una ventina, e tutti la guardavano, questo mi eccitò moltissimo. mi allontanai per guardare la scena da distante, dopo un po la vidi seduta sul divano che rideva divertita circondata da 4 uomini sulla quarantina, le tette quasi le uscivano dal top e le gambe accavallate lasciavano scoperte le autoreggenti e si notava la fighetta rasata che faceva capolino sotto il micro perizzoma, la cosa non era sfuggita a nessuno.lei continuava ad accavallare le gambe e a muoversi sul divano per agevolare l’uscita delle tette e la salita della gonna, a forza di provare ci riusci, si ritrovo con 8 mani che le frugavano tra le cosce e le tette, allora si alzo in piedi e in un attimo senza accorgersene rimase solo con le autoreggenti in balia di un gruppo di scatenati che la palpavano ovunque infilandogli dita in bocca nella figa e nel culo,passò poco che le dita furono sostituite da robusti cazzi che lei fu costretta a succhiare, forse una decina, erano all’altezza della suo viso, e lei li succhiava con molto gusto, poi iniziarono le penetrazioni ,prima singole nella fighetta, poi doppie bocca/figa poi in un crescendo di goduria collettiva triple con inculate multiple, fu fatta adagiare sul pavimento e venne presa dassalto si ritrovo cazzi ovunque in bocca ,anche due per volta, in mano ,in culo e nella figa e tra le tette si intuiva che lei era nel mucchio solo perche ucsivano le gambe velate dalle autoreggenti tra una selva di gambe e bracci pelosi di uomini, se 5 o 6 uomini erano sopra e dentro di lei almeno 12 13 erano ai lati con i cazzi in mano che attendevano si liberasse un posto dive metterlo e nel frattempo incitavano gli altri, dopo un po il pavimento era coperto di sborrate e lei continuo a ricevere cazzi per ore fino allo svenimento
Allla fine ci chiesero se volevamo andare sabato prossimo ad un altra festa dello stesso tipo, un tipo mi si avvicino e mi disse che partecipava anche una negretta che ne prendeva 40 in una notte” dovresti vederla in azione,…comunque anche la tua amicheta ci sa fare….”

ricerche relative

| grosse inculate| storie di sborrate multlipe| storie di inculate multiple

Lascia un Commento