Passione in corsia! 2°Parte

Anche quel giorno avrei montato di turno alla stesa ora, ero invece piuttosto arrabbiato perché avevo scoperto che la mia collega Patrizia era rimasta a casa per un problema con i figli e al suo posto c’era quella racchia e rompi scatole di Anna, ma infondo pensai che non me ne fregava poi molto, l’unica cosa importante era quella di rivedere Giorgia! Arrivai puntuale come sempre e appena giunto nel mio reparto il mio collega Andrea mi disse che c’era stato un altro cambio di programma,

Anna non veniva perché Giovanna, nonostante avesse fatto il turno di notte, aveva chiesto se per problemi familiari poteva fare il pomeriggio! Tutto sommato ero più felice, Giovanna sembrava più simpatica e affabile e per di più era pure carina. Arrivò, ci salutammo e iniziammo col lavoro. Tutto proseguì regolarmente come sempre, Giorgia era sempre più bella, specialmente oggi che stava molto meglio… mi sorrise in diverse occasioni e Giovanna ammiccò più di una volta! La sera arrivò velocemente, e puntuale come il giorno precedente il campanello della stanza di Giorgia suonò. Arrivai nella sua stanza e lei questa volta era seduta sul letto, visto che si sentiva meglio disse! Ci perdemmo in un gioco di sguardi di qualche minuto ma poi fu lei che mi prese il viso e mi diede un bacio che mi fece restare senza fiato…

“Chiudi bene la porta Sig. Luca! Oggi ho una sorpresa per te!”

Disse con un tono seducente!

Nel giro di pochi secondi lei si tolse il pigiama restando completamente nuda

“Baciamela, Sig. Luca. Leccami la fica! Fallo per me tesoro! Chiavami con la lingua, te ne prego!”

In un secondo divaricò le gambe al massimo e le vidi la topina completamente esposta . Il suo roseo clitoride già umido rifletteva la luce della stanza. In un istante spostai la faccia nel suo tempio del piacere, e mi riempii i polmoni del profumo della sua fica ardente. Le sgorgava una potente secrezione e non potei fare a meno di gustarla tutta. Affondai di più la faccia e la mia lingua assaggiò meglio la sua apertura e le piccole labbra e dopo poco la stavo già immergendo nel suo canale e le leccavo le pareti su e giù! Lei si divincolava e premeva le mie mani sulla testa perché affondassi di più in lei. Il mio ritmo sulla sua fica era regolare e veloce e ebbi la sensazione che le gustasse molto. Poco dopo mi spostai sul suo clitoride e iniziai a mangiarlo, mentre la mia lingua faceva dei movimenti circolari intorno ad esso. Lasciò la mia testa, si sdraiò sul letto e disse:

“Avanti Luca… Su ora dammelo! Fammi succhiare di nuovo il tuo bel cazzo! Chiavami nella gola! Dai forza!”

Mi tolsi allora i pantaloni e cambiai posizione fino a che fui a cavalcioni della sua faccia. La sua bocca avida cercò il mio cazzo già molto duro e appena lo ebbe stretto fra le labbra inizio a muoversi su e giù con quella grazia che solo Giorgia aveva. La sua lingua mi trasmetteva vampate incandescenti in corpo. Io intanto mi ero sistemato meglio e le succhiavo e le leccavo a dovere la fica, un 69 coi fiocchi insomma! Lo spettacolo era da togliere il fiato… il suo ano si contraeva e si rilassava seguendo le spinte in alto e in basso di Giorgia. D’un tratto si spinse con più forza sulla mia faccia, la sentivo bagnatissima e capì che aveva raggiunto il culmine del piacere. Io allora leccai con gusto e avidità tutti i suoi succhi, e mentre mi nutrivo le venni abbondantemente in gola riempiendole la bocca. Appena ebbe bevuto tutto e il mio cazzo si ammosciò ci lasciammo andare e io potei asciugarmi la faccia con la mano.

“Veramente delizioso Luca…”

Mi sussurrò in un orecchio…

“Hai una lingua fantastica! Ora però voglio avere il tuo meraviglioso cazzo nella fica! Chiavami ora! “

Rimasi estasiato da tutto ciò e il mio cazzo, come se agisse di volontà sua, torno di nuovo sull’attenti!!!

“Coraggio Sig.Luca! Fottimi….”

Il soldatino trovò la sua apertura senza bisogno d’aiuto, così il suo canale ardente inghiotti il glande e mentre spingevo, Giorgia sollevò le anche e così fui tutto dentro. Il calore che emanava mi stava avvolgendo completamente il cazzo e le contrazioni che la sua vagina emanava non mi fecero più ragionare e allora le diedi una stoccata, e lei gemendo si unì al movimento in perfetta sincronia.

“Dai Luca si… mi riempi completamente! Dai chiavami con forza!! “

Io le davo colpi su colpi mentre le sue dita affondavano sulle mie natiche accompagnando il movimento nelle spinte! Era una scopata troppo frettolosa, io avrei voluto godermela con calma, ma la passione ci travolse! Sentivo i suoi spasmi di piacere ancor prima che lo dicesse… Ad un tratto la
Sua vagina si strinse di più sul mio cazzo e gridò di piacere. Sapevo che stavo per venire e allora feci per uscire dalla sua fica, ma Giorgia sembrava aver capito tutto questo e infatti con prontezza mi trattenne a se e con voce delicata mi disse:

“Tranquillo Sig. Luca non preoccuparti, vienimi pure dentro, prendo la pillola da mesi oramai! Coraggio.. voglio sentire la tua sborra calda dentro! “

Venni colto da nuova eccitazione, così mentre lei esprimeva il suo piacere io ne approfittai e le riversai dentro tanto di quello sperma che lo sentii colare dalla sua fica e capì allora di aver fatto una bella pozza sul letto.

“Sapevo che sarebbe stato fantastico Sig.Luca… al punto che per poco non svenivo! “
-Grazie Giorgia! Ti capisco comunque, anche io ho provato la stessa cosa! –

Appena mi fui ripreso, mi rimisi i pantaloni per andare a darmi una pulita in bagno, lei non si mosse da li, continuava a tenere le gambe divaricate e lo sperma colava giù fino al sedere. Mi sorrise e sottovoce mi disse:

“Non scappare… ora c’è la famosa sorpresa di qui ti parlavo prima! “
-Sorpresa? –
“Fidati…. “

Giorgia si sporse dal letto e con un dito premette il bottone per la richiesta di un infermiere… Non capivo…

-Giorgia, stella ma che fai? –
“Shhh! Fidati!!! “

Improvvisamente Giovanna entrò nella stanza sorridendo

“Vieni Giovanna ! vieni pure qua da me!”
/Si arrivo! …. Ciao Luca! /
-Ma… Giovanna! Ma che scherzo è questo! Gradirei una spiegazione se possibile ! –
/Tranquillo Luca! Stai calmo, ti spiego tutto! Ieri sera dopo che sei andato via, Giorgia mi ha chiamato e visto che è da diverse sere che le parlo di te, mi ha raccontato quello che era successo tra di voi e io molto eccitata le ho detto che è da un po’ che avrei voluto prenderti da parte per dirti quanto mi fai sesso! /
“Così caro Luca ne ho approfittato e le ho detto del nostro appuntamento di questa sera, così Giovanna ha cambiato turno ed eccola qua… tutta per noi! “

Ero senza parole… il mio sguardo vaneggiava ! La cosa cominciò ad attirarmi quando vidi Giovanna che con il dito raccoglieva il mio sperma che stava colando dalla fica di Giorgia e se lo portava alla bocca!

/Uhmmm… Veramente squisito!!! /
“Lascia fare a noi Luca e non te ne pentirai! “

Improvvisamente su un piatto d’argento mi si offriva la possibilità di due bellissime ragazze che si volevano concedere illimitatamente a me… Perché non approfittarne? La mia eccezionale erezione fece sorridere le due ragazze… Giorgia mi abbracciò e mi diede un profondo bacio di amore e sesso e mentre lei mi baciava, le mani di Giovanna trovarono l’erezione e cominciarono a massaggiarla.
La cerniera venne abbassata e il mio possente cazzo esposto agli occhi stupiti di lei che iniziò a masturbarlo. Giorgia rise nel vedere quello che Giovanna faceva e d’un tratto la mia paziente preferita prese a leccarlo. Le sensazioni che le due ragazze generavano in me furono indescrivibili.

“Giovanna togliti la divisa e lasciati scopare dal Sig. Luca. ”

Giovanna si alzò e si tolse la divisa, nel frattempo Giorgia si mise in ginocchio vicino a me e mi leccò e bacio l’uccello. Giovanna si tolse anche la biancheria intima, la posò sulla sedia vicina a noi e mi si mostrò completamente nuda. Non mi ero mai accorto di quanto fosse sexy!

/Non farlo venire subito Giorgia! Lascia che scarichi il suo sperma nella mia fica te ne prego… ha un sapore divino! /

Giorgia e io ci alzammo dal letto mentre Giovanna si distendeva su un lenzuolo messo sul pavimento apposta per l’occasione. Allargò le gambe affinché le potessi vedere le sue parti intime: la sua fica ora era aperta davanti ai miei occhi, pronta per lasciarsi infilare dal mio bastone.

“Su Luca che aspetti? Non vedi che muore dalla voglia di averti dentro? ”
/Su Luca… prendimi! La mia fica ti aspetta! /

Incredibile, la persona che fino alla settimana prima mi salutava appena ora era qui sdraiata pronta a donarmi le sue più intime carni! Non ci potevo credere ma non me lo lasciai ripetere una terza volta! Caddi in ginocchio tra le gambe di Giovanna, e Giorgia mi guidò il cazzo pulsante nel buco bagnato dell’amica e non tolse la mano fino a che non lo infilai completamente iniziando il consueto su e giù! Giovanna sbatteva il sedere per terra mentre le mie stoccate si facevano sempre più forti; e mentre io possedevo Giovanna, Giorgia allungò la mano e le prese un seno iniziando ad impastarlo con foga, mentre nel frattempo Giovanna faceva altrettanto sul seno libero! Avendo quindi una mano libera lei ne approfittò per accarezzare il sedere di Giorgia. La scena era molto sexy con tutta quella attività e quei corpi libidinosi e gementi, infatti finii con l’avere un orgasmo terribile e venni dentro il suo tempio come una fontana.

/Dio Siiii!!!! Vienimi dentro!!!!! Come è calda e piacevole! Dammelo ora voglio lucidartelo come un diamante!!! /

E così feci… lo portai alla sua bocca e inizio a succhiarlo fino a che non si ammosciò, solo a quel punto Giovanna lasciò la presa.

“Vedi quanto è piacevole fare sesso con la nostra infermiera ? “

Disse Giorgia con voce suadente… , mentre io, sopra Giovanna cercavo di riprendere fiato.

“Sarà piacevole stare con lei! ”

Non potei che sorridere, avevo due donne appassionate e calde tra le braccia e mi si prospettava un futuro roseo… Ora però volevo solo un ultima cosa, scopare un altra volta con la mia piccola Giorgia e lei sembrò molto contenta della mia richiesta…

“Si… Chiavami ancora stella! Ficcami dentro quel tuo meraviglioso cazzo per l’ultima volta… Voglio sentirlo ancora dentro di me! “

Questa volta fù Giovanna sorridendo a guidare il mio cazzo nella fica umida di Giorgia…

“Non ti muovere ora, lascia che sia io a scoparti per un po’! Che bel cazzo che hai… non mi sazia mai!!! “

Il suo sguardo era carico di libidine a tal punto che inizio un dentro e fuori da infarto!

/Giorgia lascia che sia lui a scoparti ora! /

Allo stremo delle mie forze mi staccai per riprendere fiato un secondo e quello che vidi servì per far aumentare miracolosamente le dimensioni del mio cazzo.
Giorgia era rimasta distesa sul letto e si lasciò masturbare da Giovanna… di un tratto si unirono in un 69 lesbico che per un poco non mi fece venire!!! Fu stupefacente vedere l’intesa che c’era fra le due ragazze, era come se si conoscessero da sempre… ed io nell’estasi della situazione, afferrai una tetta di Giorgia e la strinsi fra le mani. Le due ragazze terminarono il 69 e Giorgia si sistemò a pecora sul letto mostrandomi un panorama sconvolgente! Incapace di controllarmi mi gettai dietro di lei e le premetti le labbra sulla carne tiepida. Preso dalla foga iniziai anche a baciarle il suo magnifico sedere provocandole gemiti di piacere profondo. Giovanna sembrò mi avesse letto nella mente infatti si avvicinò a noi e spinse giù la testa di Giorgia e le sollevò i fianchi. In quella posizione le leccai il buco del culo che era minuscolo e privo di peluria.

/Dai Luca.. leccale il culo! /

Non avevo bisogno che me lo dicesse…infatti riaccostai la faccia e ricominciai a leccare e baciare quel magnifico orifizio. Giorgia si dimenava davanti alla mia faccia e ciò mi faceva capire che le piaceva! Giovanna abbassò la testa sulla schiena di Giorgia per vedere i miei movimenti e vidi che anche lei era nuovamente eccitata! Il mento appoggiato sulla fica di Giorgia era umido dei suoi umori… la mia eccitazione era alle stelle e il mio cazzo già pulsava di desiderio! Lo presi in mano e lo sistemai fra le labbra della fica ma Giovanna mi fermò!

/No Luca! Chiavala nel culo! Mettiglielo in quel piccolo canale! /

Esitavo, il buco era piccolo e temevo di farle male ma Giorgia eliminò ogni mia preoccupazione!

“Si stella! “

Mi sussurrò

“Chiavami così… mettimi quel tuo bell’arnese nel secondo canale… te ne prego! Non lo ho mai fatto e voglio che sia tu il primo… non sentirò male e non griderò te lo prometto! “

Ero estasiato da ciò che mi disse! Mi feci aiutare da Giovanna… che prima guidò il mio cazzo nella fica di Giorgia per inumidirlo a dovere, poi quando fu ben lubrificato, lo appoggiai piano al suo orifizio dando una piccola spinta fino a che la cappella urtò sull’ano. Giorgia spinse indietro il bacino e mugolò. Io mi fermai per la paura di averle fatto male, ma lei mi incitò ad andare avanti. Il mio glande a quel punto scivolò tutto nel retto, provocando altri gemiti in Giorgia!

“Non smettere Luca… non esitare… Dammene di più! Mi fa male ma è piacevole! Dai riempimi tutta! “

Queste parole mi fecero dimenticare ogni inibizione e senza attendere oltre spinsi con più foga fino a che il suo retto non inghiottì completamente il mio cazzo! Era molto stretto, ma tutto ciò mi elettrizzava, infatti iniziai a pompare in lei un colpo dopo l’altro. Intanto Giovanna iniziò a dedicarsi al clitoride di Giorgia che dimostrò di gradire molto la cosa, mentre l’altra sua mano si dedicò ai miei testicoli. Il calore che il mio cazzo provava era intenso e la mia eccitazione era alle stelle, e lei improvvisamente mi disse:

“Dai Luca vieni… scaricati dentro di me! “

Disse mugolando…

“Dammi tutti i tuoi succhi… dammeli tutti amore! Vieni con me!!! “

Lei era in preda a deliranti spasmi di passione, e si dibatteva paurosamente mentre io continuavo le mie rapide stoccate. Infine, mi scaricai nel retto, proprio come lei voleva. Fu un getto violento e copioso e mentre mi liberavo le tenni i fianchi fermi e il sedere incollato al mio inguine. Fu uno dei migliori orgasmi della mia vita.

“Oh Dio sii.. “

Disse Giorgia con il fiato grosso…

“Ho provato sensazioni stupende così!!! Grazie! “

Io mi lasciai cadere sul pavimento, incapace anche del più piccolo movimento. Nel frattempo Giovanna pulì lo sperma che colava dal culo di Giorgia con la lingua e terminò eliminando anche ogni più piccola traccia dal mio cazzo leccandolo con dovizia dei particolari! Giovanna mi rivelò che aveva pagato il terzo infermiere, Mirko, affinché non ci disturbassero e io risi dicendole che da quel momento in poi non si sarebbe liberata tanto facilmente di me! L’occhio cadde sull’orologio.. dovevamo fare in fretta, il cambio stava per arrivare! Allora ci rivestimmo e baciando entrambi Giorgia ci avviammo separatamente verso la stanza degli infermieri per il consueto rapporto giornaliero. Il cambio arrivò leggermente in ritardo, ma sbrigate le pratiche di passaggio di consegna io e Giovanna andammo via. Giunti nel parcheggio io e lei ci fissammo e sorridemmo!

-Da te o da me? –
/Scegli tu… tanto domani è il nostro giorno libero! /
-Salta su allora! –

Da quel giorno io e Giovanna, grazie all’aiuto e alla complicità della splendida Giorgia, usciamo insieme e la nostra relazione è fondata su ottime basi… di Sesso! Giorgia fu dimessa l’indomani pomeriggio della nostra serata a tre! Dopo quella volta seppi solo, da una sua lettera arrivata in ospedale, che si era trasferita a Cremona e che si era fidanzata con un ragazzo proprio con il nome uguale al mio… Luca!!!

Grazie di cuore Giorgia!

Oramai sono passati due anni e io e Giovanna siamo felicemente sposati e abbiamo avuto una bimba che insieme abbiamo deciso di chiamare…

FINE

Lascia un Commento