Nicole 1

Entro in questo sito con un racconto che è poi la cronaca di un fatto che in gran parte mi è realmente accaduto. A casa dei miei genitori fin da quando ero piccolo veniva a dare una mano in casa una ragazza filippina non bellissima ma estremamente sexy, il suo nome era Nicole. Per diversi anni non ci siamo mai rapportati se non come un ragazzetto con una donna più grande ma con il tempo il ragazzetto è cresciuto e dato che tra le tante cose che mi piacciono di una donna ci sono: il culo, le gambe e i piedi, ho iniziato a spizzarla fantasticando su di Lei.

Ogni volta che arrivava l’estate era un’esplosione di godimento perchè nicole veniva al lavoro con le ciabattine e dei vestiti che in contro luce non nascondevano molto. Quando Nicole saliva sulle scale per lavare i vetri o per sistemare la roba negli armadi io vedevo i polpacci appena scuri e i talloni leggermente ruvidi che si alzavano e pensavo cosa sarebbe stato averli sul mio uccello. Quando, certe volte, lasciava le ciabattine per ritrovarle la volta successiva è capitato che io mi ci sia masturbato sopra con grande piacere. Ma il nostro avvicinamento è cominciato quando una sera è rimasta a servire in tavola perchè avevamo ospiti e poi, dato che era tardi, è rimasta a dormire da noi. Ha usufruito del letto in sala e per maggior privacy i miei genitori le hanno dato un paravento. Fatto sta che essendo io un nottambulo mi sono alzato nel pieno della notte e sono andato in cucina e passando ho visto le sue gambe spuntare dal lenzuolo e mi sono arrapato come non mai. A quel punto ho pensato “faccio finta di andare a prendere un dvd e mi do’ una spizzata”, detto fatto, sono passato ma quando ho visto le gambe scoperte e la linea curva della coscia che faceva capolino il mio cazzo è diventato durissimo e spuntava dai miei boxer aderenti (ndr io dormo con addosso un paio di boxer e basta); al che ho pensato “se io passo facendo finta di niente e lei mi nota sarà un problema suo superare l’imbarazzo”. Passo davanti al letto di Nicole e vado a prendere il dvd, al ritorno vedo che lei ha un occhio semiaperto e mi guarda un po’ divertita e un po’ in imbarazzo; con la massima ingenuità le dico ”stavi dormendo? Sono passato solo per prendere un dvd” e lei aprendo compeltamente gli occhi mi risponde che non riusciva a dormire e mi avverte “guarda che ti si vede il coso”, io fingo di accorgermene in quel momento e mi aggiusto le mutande scoprendolo leggermente per poi ricoprirlo meglio e dico “che figuraccia!” e lei “ma che fai il vergognoso con me?” E io le rispondo”beh sei una bella ragazza e lo avevo sveglio perchè sei mezza scoperta è normale che io sia in imbarazzo”. Allora lei mi dice che non pensava di piacermi e che diverse volte si era vestita in un certo modo per vedere la mia reazione ma non ne aveva notata alcuna e ci sediamo a parlare al bordo del suo letto mentre lei si tiene il lenzuolo per coprirsi la sottile sottoveste che aveva addosso, ad un tratto mi da un pizzicotto sulla coscia dicendomi che io sono muscoloso (non nel senso che sono un culturista ma nel senso che non ho grasso addosso) mentre lei ha la ciccia sul culo. Io non perdo l’occasione e le passo la mano sulla coscia fino alla chiappa dicendo “sei morbida al punto giusto e hai una pelle incredibilmente sexy” e aggiungo “per non parlare delle tue gambe, posso vedere lo smalto dei tuoi piedi da vicino?” E prendendo il piede in mano avvicino le dita ai miei occhi e le bacio il dorso del piede. Lei si ritrae dicendo che nessuno ha mai trovato eccitanti i suoi piedi e il suo compagno neanche si accorge se si mette lo smalto. Allungo il collo per baciarla e si sente un rumore venire dalle camere da letto, entrambi sussultiamo e lei mi manda via.Alla prossima (roberto da Genova – robert4791@hotmail.it )

ricerche relative

| superracc| racconti incesto nicole

Lascia un Commento