racconti

Lascia un Commento

0 COMMENTS

mia cognata

Un giorno sono andato a casa di mio cognato perchè mi serviva una cosa da lui, quando sono entrato in casa mi sono trovato solo mia cognata che stava riordinando la cucina, aveva addosso un abitino corto di quelli che si tengono in casa premetto che è un gran pezzo di donna, mi dice di essere sola perchè suo marito è appena uscito per andare con il figlio allo stadio.
A questo punto gli dico che allora me ne potevo andare e che sarei tornato alla sera.


Lei mi chiede se mi può essere utile, io che a questo punto gli sono vicino le dico si una cosa ci sarebbe che potresti fare, lei mi chiede cosa?
Allora io infilando una mano sotto il vestito e toccandole il culo le dico potresti diciderti una buona volta a darmela. Ridendo ma senza spostarsi mi dice, che scemo che sei. Visto che non si muoveva o scostato le mutandine e ci ho infilato diretto un dito in un istante si è bagnata e a questo punto ho proprio sfilato completamente gli slip e lo sdraiata sul tavolo della cucina lei, faceva finta di resistere senza troppa convinzione però.
Come le ho infilato la lingua a cominciato a gemere e mi ha preso la testa con le mani spingendola contro il suo pube con forza intanto che la leccavo per bene lei si è sfilata completamente il vestito rimanendo completamente nuda era splendida.
Si è alzata e mi ha tolto i pantaloni buttandosi a testa bassa sul mio uccello ho dovuto fermarla perchè altrimenti avrei sborrato immediatamente.
A quel punto lo girata e fatta appoggiare al tavolo infilandola da dietro era fradicia e dopo un po che la sbattevo così ho sfilato l’uccello dalla sua figa e senza esitare glielò infilato nel culo. Ha cacciato un urlo tanto che ho dovuto tapparle la bocca con la mano sono riuscito a fatica a farlo entrare mentre lei mi diceva di toglierlo perchè li era vergine, io però non ci pensavo nemmeno anzi spingevo sempre più forte fino a quando a cominciato a piacerle.
Ho continuato a pomparla così sino a quando a goduto come una pazza a quel punto ho sfilato l’uccello dal supo cule e dopo averla girata le ho detto adesso ciuccia,inutile dire che non ho dovuto insistere me lo ha leccato per bene e ha bevuto tutta la sborra che ne è uscita senza lasciarne scappare una goccia.
E’ stata una scopata indimenticabile e ancora oggi a distanza di tre anni ogni tanto quando so che è sola la vado a trovare e lei non si tira mai indietro

Racconti Simili

  • Spleen College Katia osservava la stanza con i suoi grandi occhioni azzurri mentre attendeva. Era la terza volta che finiva in punizione dal preside quel mese. Il pavimento ricoperto di tappeti, la polvere nell’aria, il tavolo in fondo alla stanza era di quercia e cosparso di scartoffie fino a […]
  • mia cognata Un giorno sono andato a casa di mio cognato perchè mi serviva una cosa da lui, quando sono entrato in casa mi sono trovato solo mia cognata che stava riordinando la cucina, aveva addosso un abitino corto di quelli che si tengono in casa premetto che è un gran pezzo di donna, mi dice di […]
  • elisa togut Sogno di trovarmi al palazzeto dello sport dove la bionda cavalla sta per disputare una partita.Cercandola per i corrridoi riesco a trovarla e finalmente posso ammirarla in tutto il suo metro e 90 di bontà.Lei sta lasciando un'intervista e indossa una magkiettina grigia sulla divisa di […]
  • il mio cognatino Ciao a tutti, finalmente mi sono decisa a scrivere su questo sito che tante volte ha intrattenuto le mie giornate con bei racconti, ma questa volta ho deciso di raccontare una mia esperienza perchè non riesco più a tenermela dentro visto che racontarla in giro ad amici sarebbe […]
racconti

Lascia un Commento

0 COMMENTS

mia cognata

Un giorno sono andato a casa di mio cognato perchè mi serviva una cosa da lui, quando sono entrato in casa mi sono trovato solo mia cognata che stava riordinando la cucina, aveva addosso un abitino corto di quelli che si tengono in casa premetto che è un gran pezzo di donna, mi dice di essere sola perchè suo marito è appena uscito per andare con il figlio allo stadio. A questo punto gli dico che allora me ne potevo andare e che sarei tornato alla sera. Lei mi chiede se mi può essere utile, io che a questo punto gli sono vicino le dico si una cosa ci sarebbe che potresti fare, lei mi chiede cosa?

Allora io infilando una mano sotto il vestito e toccandole il culo le dico potresti diciderti una buona volta a darmela. Ridendo ma senza spostarsi mi dice, che scemo che sei. Visto che non si muoveva o scostato le mutandine e ci ho infilato diretto un dito in un istante si è bagnata e a questo punto ho proprio sfilato completamente gli slip e lo sdraiata sul tavolo della cucina lei, faceva finta di resistere senza troppa convinzione però.
Come le ho infilato la lingua a cominciato a gemere e mi ha preso la testa con le mani spingendola contro il suo pube con forza intanto che la leccavo per bene lei si è sfilata completamente il vestito rimanendo completamente nuda era splendida.
Si è alzata e mi ha tolto i pantaloni buttandosi a testa bassa sul mio uccello ho dovuto fermarla perchè altrimenti avrei sborrato immediatamente.
A quel punto lo girata e fatta appoggiare al tavolo infilandola da dietro era fradicia e dopo un po che la sbattevo così ho sfilato l’uccello dalla sua figa e senza esitare glielò infilato nel culo. Ha cacciato un urlo tanto che ho dovuto tapparle la bocca con la mano sono riuscito a fatica a farlo entrare mentre lei mi diceva di toglierlo perchè li era vergine, io però non ci pensavo nemmeno anzi spingevo sempre più forte fino a quando a cominciato a piacerle.
Ho continuato a pomparla così sino a quando a goduto come una pazza a quel punto ho sfilato l’uccello dal supo cule e dopo averla girata le ho detto adesso ciuccia,inutile dire che non ho dovuto insistere me lo ha leccato per bene e ha bevuto tutta la sborra che ne è uscita senza lasciarne scappare una goccia.
E’ stata una scopata indimenticabile e ancora oggi a distanza di tre anni ogni tanto quando so che è sola la vado a trovare e lei non si tira mai indietro.

ricerche relative

| racconti porno cognata| racconti incestuosi fraterni

Racconti Simili

  • Spleen College Katia osservava la stanza con i suoi grandi occhioni azzurri mentre attendeva. Era la terza volta che finiva in punizione dal preside quel mese. Il pavimento ricoperto di tappeti, la polvere nell’aria, il tavolo in fondo alla stanza era di quercia e cosparso di scartoffie fino a […]
  • mia cognata Un giorno sono andato a casa di mio cognato perchè mi serviva una cosa da lui, quando sono entrato in casa mi sono trovato solo mia cognata che stava riordinando la cucina, aveva addosso un abitino corto di quelli che si tengono in casa premetto che è un gran pezzo di donna, mi dice di […]
  • L’amica prosperosa di mia nipote E' un pò che non vi scrivo, ma d'altronde ultimamente oltre alle mega scopate con quella troia di mia cognata e mia moglie, è diventato tutto routine. Ieri invece è successo una cosa che merita di essere scritta. Mia cognata ha una figlia di ventitre anni, che per molti versi assomiglia […]
  • la moglie gelosa Ciao cari lettori, vi voglio raccontera un storia che ha dell'incerdibile, che mi e' accaduta una settimana fa'. Sono sposato con mia moglie da 7 anni non ho mai smesso di amarla come dal primo giorno che l'ho vista, ma quando si tratta dell'argomento sesso non c'e' verso non vuole farmi […]
racconti

Lascia un Commento


scambio banner adult