i camerieri

Avevo 28 anni quando per una serie di coincidenze andai a fare il cameriere in un hotel di Cesenatico. Avevo allora già avuto tre o quattro storie con ragazze che mi avevano lasciato, una in particolare mi aveva sbattuto in faccia il fatto che l’avevo piccolo e mi tirava poco. Nell’Hotel lavoravano 8 persone 4 uomini e 4 donne. Si dormiva in un fabbricato adiacente con camere per due.

Prima di iniziare il lavoro serale, si tiravano quattro calci in un campetto attiguo, poi si faceva la doccia in un locale unico con getti che venivano da un tubo in alto. Dopo qualche tempo un cameriere di circa 35 anni, dotatissimo e un suo collega di almeno 50, si erano messi a fare gli stupidi sul mio cazzo piccolo. Il più giovane si masturbava sotto la doccia facendoselo venire grossissimo e il suo collega vecchio non era da meno. Il gioco si faceva sempre più pesante, mi venivano vicino con il cazzo duro e me lo sbattevano contro ghignando. Alla sera si andava in giro a vedere le fighe, poi si rientrava in camera. Una volta finii in camera con loro a vedere dei giornali porno, il giovane come sempre si masturbava e il vecchio mi incitava a succhiarglielo. Così finii che glielo presi in bocca e iniziai a spompinarlo, l’altro mi mise le mani dentro ai pantaloni, sul culo. In un attimo mi trovai nudo e il gioco cominciò duramente, il collega giovane mi inculò freneticamente poi mi finì il più vecchio. E’ una grossa balla la storia che ti fa male, se ti sei masturbato nel culo con degli zucchini fin da giovane, c’è l’hai gia rotto e godi come un maiale. I fallimenti con le fighe trovarono la loro logica conclusione, mi feci inculare da quei due per tutto il periodo di quel lavoro estivo. Una sera andammo in un boschetto vicino alla spiaggia frequentato da gay. I miei due amici mi fecero avere un rapporto con un marocchino, credo che mi scopò per almeno un ora con un eccitazione a noi impossibile, anche dopo avere sborrato più di una volta.
Un’altra sera mentre ci facevamo, fecero entrare una cameriera di 40 anni che lavorava li, si eccitò subito moltissimo aprendosi il vestito e masturbandosi freneticamente, poi il cameriere dotato la prese e la scopò facendola venire in continuazione. Misero lei e me alla pecorina di fronte e mentre l’altro cameriere mi inculava lei iniziò a darmi la lingua in bocca dandomi del frocio, poi mi prese in bocca il cazzo moscio facendomi fare la più guduruiosa sborrata della mia vita.. Adesso sono sposato, mia moglie tre volte alla settimana dice di uscire con le sue amiche e non rientra mai prima delle tre…, nessuno sa dei miei vizi.

ricerche relative

| minidotati racconti

Lascia un Commento