finalmente 2 assieme ( 2 )

Dopo quella prima volta, le nostre serate sono state bollenti,lui è eccitatissimo per il rapporto a tre che abbiamo avuto al mare con il vicino di alloggio. Continua a dirmi che la visione di me posseduta contemporaneamente da lui ed un’altro,lo eccita in modo quasi morboso.Da parte mia, lo accondiscendo con frasi come:-Per te tesoro farei qualsiasi cosa per farti felice e vederti godere- . Ma confesso che l’idea di rifarlo, il godere le coccole e le attenzioni sessuali di due uomini eccitatissimi mi fa impazzire dal desiderio. -Dovremmo riprovre- mi dice lui una sera, -ma questa volta, dovresti sforzarti ad essere più attiva, non hai dato l’impressione che fossi molto eccitata.-

Il cuore mi scoppia in petto e timidamente:- Ma caro se vuoi possiamo riprovare,vedrò di accontentarti, mi riesce difficile fingere ,sai che solo tu mi puoi far godere, ti prego se lo facciamo ancora non lasciarmi sola nemmeno un momento.- Già pregustavo che la sua determinazione mi avrebbe portato ad un’altra meravigliosa nottata.

Giovedì sera torna a casa con un suo cliente, con la scusa di fargli vedere un campionario di progetti. Presentazioni, convenevoli, e mi rintano in camera da letto ad aspettare che finiscano i loro affari.
Comincio ad addormentarmi quando sento che la porta si apre, vedo nello specchio che sono tutti e due che furtivamente entrano. Fingo di dormire profondamente, la luce che filtra dalla strada attraverso le persiane mi fanno capire cosa stà per succedere.
Richiudo gli occhi e aspetto. Sento lievemente il lenzuolo alzarsi capisco che mi stanno scoprendo, ho addosso solo una camiciola di raso che probabilmente non mi copre nemmeno tutta,dormo abitualmente senza slip.
Sento una mano che mi accarazza la piega delle cosce e mormoro:-Sei tornato caro?- nessuna risposta, la mano continua insinuandosi di più tra i miei glutei,leggera, calda e morbida. Capisco dalla diversità del tocco che non è di lui.Mi volto sdraiandomi sulla schiena e sempre ad occhi chiusi: -Si caro ho bisogno di godere, mi hai lasciata troppo sola- La risposta calda e rassicurante:- tieni gli occhi chiusi fin che puoi che ti faccio impazzire.- La mia camiciola sfilata con decisione mi lascia nuda come non mai alla vista di mio marito e dell’altro, ma tengo ancora gli occhi chiusi, la mano continua a scorrere all interno delle cosce e sale piano dalle ginocchia fino alla piega dell’inguine in quel momento un alito caldo sul collo mi fa fremere,alzo la mano e sento che la testa non e quella di lui, ha i capelli cortissimi, fingo di non accorgermi di nulla e comincio anch’io a scorrere con le mani il corpo di quello sconosciuto. Non è niente male, spalle larghe, la pelle liscia glabra e profumata delicatamente.
La sua bocca intanto scende sulla spalla,all’interno del gomito, lo incoraggio guidando la sua testa sul mio seno. La sua lingua mi disegnava dei ghirigori fantastici dalla base fin su alle areole, quando mi strige con le labbra i capezzoli già non capisco più nulla. Contemporaneamente mio marito mi allarga ancor più le cosce e si intrufola con la lingua a cercare la prova del mio piacere. Non poso fare a meno di gemere , cerco con le mani qualcosa da stringere e trovo ben presto i due membri già ben duri, li ho all’ altezza dei miei fianchi e mentre li meno ciascuno di loro mi succhiano e leccano i seni. E’ una sensazione che consiglio di provare a tutte le donne almeno una volta nella vita. Se poi come mi stà succedendo le mani dei due ti esplorano senza pudore dalle cosce all’intimo, ti danno una sensazione stupenda di regina del sesso.
Mi lascio andare, sono scatenata, mi volto sul ventre e mi faccio accarezzare anche da dietro. Due mani forti mi sollevano e mi ritrovo carponi, il membro dell’amico in bocca, duro e morbido nello stesso tempo, caldo e pulsante, la cappella mi entra con fatica non ho la bocca così grande,pregusto il momento che mi penetrerà. Sento che con le mani arriva ad accrezzarmi le chiappe, me le allarga sento la pelle stirata e proprio in quel momento mio marito intrufola la sua lingua nel buchino.
Fantastico. Con la mano mi sgrilletta sono ora al settimo cielo ma voglio sentire dentro quel coso enorme che sento tra le mie labbra. Faccio sdraiare lo sconosciuto e decisamente mi metto a cavalcioni su di lui e chiamandolo col nome di mio marito grido; – ora ti faccio sentire quanto ti amo.-
Mi infilo sopra e comincio a fare l’ascensore lentamente , su e giù su e giù.
Grande mi riempie proprio tutta fino nel più profondo della mia intimità. Sento che si gonfia ancor più intuisco che stà per venire.
Mi fermo,pulsa come il mio cuore ma mi fermo grido cosa c’è di più di così? sento mio marito che mi sbatte sul corpo del’amico , sono ancora con il cazzone dentro, mi mette lsue mani sulle spalle e …. un dolore improvviso, me lo ha puntato decisamente sull’ano ed ha affondato. Subito o gridato ma da sotto il mio clitoride veniva sollecitato dal pube e dai peli morbidi dell’altro che incurante continuava a muoversi con l’uccello sprofondato fino alle palle. Ho cominciato a sentire piacere di avere due uomini dentro di me. Non ho più resistito e ho cominciato a godere godere senza fine e senza ritegno. Anche loro sono venuti in me quasi contemporaneamente con un getto bollente inondandomi tutta. Avremo così per un po’ da godere nelle nostre serate ripassando con la mente la nostra avventura

Lascia un Commento