complici a mai insaputa

ciao sono Domenico e vorrei raccontare (preannunciando che non mi attraggono i ragazzi)la mia storia realmente accaduta il 24 dicembre del 2003 con la mia migliore amica e il mio migliore amico.tutto accadde dopo che la mia ex mi lasciò, infatti per un primo momento di sconforto strinsi un forte legame con un mio vecchio Daniele amico e una sua vecchia conoscienza Maria con cui in breve tempo allacciammo una storia strettamente sessuale…….

Pur non essendo una gran figa sapeva scopare bene ma sopprattutto succhiava il cazzo come nessuno.proprio per questa sua virtù (nella data suddetta) mentre scherzavamo in casa del mio amico ebbi la sorpresa che in quel momento non era l’unica esperta in pompe.infatti mentre lei con aria di gioco mi stuzzicava il cazzo il mio amico Daniele si fece avanti dicendo che lui nel campo di pompini non era da meno.fu allora che quasi stupito ebbi la certezza delle tendenze di Daniele ma anche della complicità con Maria che senza perder tempo e con me impietrito tirò fuori il mio uccello e da brava troia inginocchiata tra le mie gambe iniziò a spompinarmi;nel frattempo Daniele si insinuò con dolcezza e iniziò a massaggiarmi le palle ed io (anche se il mio stupore era sensibilmente aumentato) non mi tirai indietro anzi accompagnai i movimenti dei due complici con dei leggeri colpi di reni.in breve invertirono il posto e Maria nel frattempo cominciò a baciarmi e spogliare massaggiando il mio petto e facendomi assaggiare il sapore delle sue grosse tette.Allora fu che entrambi si esibirono in piccoli giochi ,come riempirsi la bocca di un liquore dolciastro e nello stesso tempo spompinarmi(sensazione gradevole) oppure mi riempirono il cazzo e le palle di miele e in poco tempo e avidamente mi ripulirono. intanto in molta fretta e senza badare alla sua dolcezza svestì Maria e inziai a massaggiarle il grilletto mentre Daniele sempre insinuato tra le mie gambe aumentò con le sue labbra il suo vai e vieni sul mio cazzo sino a diventare quasi frenetico. il mio amico continuava a stupirmi e da esperto si fermò e iniziò a smanettarmelo con calma mentre con l’altra mano prese Maria e l’ avvicinò alla sua patta facendosi massaggiare dolcemente.in preda all’eccitazione più totale e con un cazzo talmente rigonfio che stava per esplodere presi Maria con violenza la misi a pecorina e gli affondai il mio uccellonella fica completamenta bagnata.mi invitava quasi in preda ad una sorta di trans di sbatterla come una troia ed io senza complimenti continuai il vai e vieni prendendola per i capelli e nello stesso tempo come da lei richiesto maltrattandole la fica con l’altra mano.per via della sua piccola statura la rigirai più volte e continuai a sbatterla mentre Daniele come una piovra insinuava mani ovunque massaggiandomi i coglioni e senza rifiutare ,durante qualche mio rallentamento, di farsi massaggiare il cazzo da Maria.i miei coglioni stavano per esplodere ed esausto ritornai a sdraiarmi nel divano e iniziarono a menarsi a vicenda il mio uccello in bocca finchè non mi svuotai sulle loro facce.da allora con il tempo i rapporti sono diversi ma anche se sto felicemente con una ragazza abbiamo avuto qualche incontro ma mai paragonabile al primo

Lascia un Commento