0 COMMENTS

bisex

Dopo aver trascorso una serata memorabile che nel racconto precedente ho raccontato mi ero deciso di ritornarci con la mia ragazza,già avevo una ragazza e quella sera nel ciunema non pensai a lei ma solo a me. Ma come glielo dicevo che provavo attrazione anche per i cazzi oltre che per lka figa.Stavo pensandoci ma mi venne incontro leri:Mi vide assorto e mi chiese perchè fossi tanto preoccupato,le risposi che non avevo niente di particolare ma avevo il desiderio di andare con lei a vedere un film a luci rosse.”Certo amore che ci andiamo e sono felicissima che tu me lo abbia proposto”,questa fu la sua risposta.Al paese non c’erano cinema di questo genere,così ci recammo nel capoluogo.Si vesrtì in un modo arrapante,aveva una minigonna e sotto niente,lo constatai mentre ci recavamo metendo sempre la mano in mezzo alle gambe e sentivo la sua figa che si stava bagnando

;sopra aveva una camicetta trasparente e naturalmente non indossava nulla.Entrammo nel cinema e aspettai che gli occhi si abituassero al buio,nel frattempo eravamo rimasti in piedi in fondo alla sala e la stavo palpando.Ci sedemmo in una fila centrale e cominciammo a vedere il film,sdentivo che si eccitava a vederlo e mi prese il cazzo tra le mani e lo stava accarezzando con delicatezza,cominciò a farmi un pompino ma con calma,voleva gustarsi il sapore del mio cazzo e non perdere neanche una situazione intrigante nel cinema.Non ci facemmo caso ma intorno a noi si erano messi seduti alcuni uomini e si erano tirati fuori il cazzo,la mia ragazza sentì che uno stava accarezzandole la gamba,mi guardò e iofeci un cenno di calma, sentì la mano dell’uomo entrare tra le cosce e arrivare alla figa.Due persone stavano con il cazzo di fuori e con la scusa di passare si erano posizionati davanti a noi,la mia ragazza mi guardò perplessa e prese a ciucciare quel cazzo che non era niente male,l’altro di fianco mi guardò e si avvicinò fino a portare il suo uccello al’altezza della bocca,spontanemente cominciai a baciargli la cappella e poi scendevo per tutta la verga,vidi la mia ragazza chre mi osservava e non disse bnulla,anzi mi fece un sorriso,cominciai a pompoarlòo a nch’io,sentivo il cazzo che mi arrivava in gola e che mi riemiva la bocca.”Vediamo chi dei due ci fa venire prima”,disse il primo che si stava fare un bocchino dalla mia ragazza.Aumentammo il ritmo,con la mano ci aiutavamo,sentivamo le verghe ingrossarsi ma il mio venne prima nella mia bocca,mi riversò una gran quantità di sborra che riuscii a berla tuytta;poco dopo venne anche l’altro riempiendo la bocca di lei.”Da quanto tempo ti piace fare i pompini”,mi chiese lei;”è da un pò di mesi che li faccio”,risposi,”da quando vivo solo e ogni tanto,anzi spesso vado a un cinema luci rosse e là mi diverto.Altri si avvicinarono a noi,volevano anche loro lo stesso trattamento e nonb ci perdemmo d’animo,pompammo fino ache le mascelle ci facevano male,eravamo pieni di sborra ma contenti.Stavamo tyornando a casa,lei mi dice che vorrebbe fare altre esperienze sessuali,gli chiedo quali ma mi rispose che me lo avrebbe detto.La accompagnai a casa e prima di salutarci mi tirò una sega per ringraziarmi della serata che le avevo fatto vivere.

ricerche relative

| racconti veri porno di mariti bisex

Racconti Simili

  • culo guinnes io e mio marito frequentiamo spesso privè ma i nostri incontri sono stati sempre prudenti con persone che conosciamo almeno nel senso dell'igiene e lo stato di salute.Una sera mio marito mi ha chiesto di sbandarmi e di esagerare e dato che era una ricorrenza importante acconsentìì. Mi […]
  • Io, lei e… Un racconto di una fantasia bisex che vorrei realizzare con una coppia con lui bi-attivo. Gli incontri online possono riservare delle sorprese.. inaspettatamente piacevoli..Era diverso tempo che chattavo con Erica, una bella donna 40enne, sposata senza figli..Tra noi era nata una […]
  • la moglie all’università (2) Quel giorno mia moglie tornò umiliata non tanto per quello che era successo al bagno ma per il fatto che il suo amante si era preso gioco di lei.Mi raccontò affranta che a suo parere si era sempre rivelato innamorato e non poteva pensare che faceva vedere i loro amplessi dai loro amici. […]
  • Il figlio della padrona Il figlio della padrona !a parte. Ero seduta sul terrazzino privato della pensione, al mare. Era un pomeriggio afoso ed ero uscita per godermi un po' di fresco, visto che mia figlia dormiva. Stavo sonnecchiando, quando mi giunsero delle voci dal piano di sotto. Non ci feci caso, ma […]
  • eva transex aveva un corpo perfetto e sinuoso , i capelli biondi , le mancava solo un difetto per essere perfetta , il culo da sballo camminava sotto i potici da un po’ qualche passo più avanti attirando la mia attenzione con la sua apparente estraneità sculettando discreta tra la gente passeggiava […]
racconti

Lascia un Commento


scambio banner adult