autogrill

ero in viaggio verso casa ma, tanto tanto stanca. decido di fermarmi in autogrill per sciacquarmi il viso e bere un caffè. entro al bar e lo noto subito, bello con addosso un paio di jeans che facevano vedere quanto gonfio era il suo pacco. all’improvviso va in bagno e io lo seguo. vedo in quale bagno entra e aspetto che finisca.appena accenna ad aprire la porta, mi infilo nel bagno con lui dentro, lo spigno sopra il cesso,

gli apro i pantaloni e gli tiro fuori il grosso cazzo.accidenti era davvero grosso.sollevo una gamba e gli punto il piede sulla coscia.mi apro la fica con le dita e comincio a toccarmi. nel frattempo gli diventa duro e grosso.stavo impazzendo ma lui non rimane inerme.comincia a leccarmi la fica di santa ragione, finchè non gli bagno la faccia. allora lo bacio in bocca e punto dritta con la lingua sul suo cazzo.lo lecco e lo succhio muovendomi sempre più veloce finchè non mi riempie la bocca e la faccia di sborra.ma con mia grossa sorpresa, gli rimane duro.mi gira e comincia a montarmi di spalle, in fica, facendomi impazzire e poi in culo.mi sborra di nuovo in culo urlando.temo che ci abbiano sentito in parecchi, visti i sorrisini delle persone che si trovavano fuori dal bagno e non osavano entrare.me lo scopo ancora ogni giovedì e sempre in autogrill.il nostro è diventato un appuntamento fisso.lo scoperò finchè non farò indigestione di sborra!

ricerche relative

| autogrilstorie vere porche

Lascia un Commento